"Tutti insieme appassionatamente" per
 

 

 

 

 


                           

 

 

                                             

                                                                             

 

 

Come tutte le cose belle, anche questo PRIMO RADUNO è giunto al termine ma non certo senza lasciar tracce e piacevoli ricordi nei nostri cuori.

E’ difficile trasporre nero su bianco le emozioni che abbiamo condiviso in quei due giorni ma, come si dice, tentar non nuoce.

Senz’ombra di dubbio, l’interrogativo che ci siamo posti tutti è stato “come superare l’imbarazzo iniziale?”; domanda non tanto illecita, visto e considerato che la maggior parte di noi non conosceva personalmente un buon due terzi dei convenuti. Al di là di ogni più rosea previsione, la sincera passione per il nostro angelo custode ci ha reso facile il compito, a tal punto che ben presto sembravamo un’allegra brigata di ex commilitoni.

 

              

 

Il  locale che ci ha ospitati, intimo e carino, è stato preparato con cura per l’occasione dalla nostra Valentina, i suoi genitori, Camilla, “responsabile” di quell’opera d’arte che è il logo dei Maniacs, e , dulcis in fundo, Paola, la nostra instancabile webmaster. Chiedo venia se ho dimenticato qualcuno ma, come ben sapete, l’età è una brutta bestia da affrontare!!

Gli astanti hanno potuto ammirare una gran quantità di materiale “celinico” raro , messo a nostra gentile disposizione da fans volenterosi, in primis Valentina.

Un centinaio di foto, che ritraevano Cèline in  momenti

importanti della sua carriera, erano inoltre affisse nella seconda  delle  due sale in cui si svolgeva il raduno.

Nel momento più intenso del nostro incontro, Vale, da brava capoclasse, nonché “padrona di casa”, ci ha messi in riga come diligenti scolaretti ed ha deliziato le nostre orecchie e i nostri occhi con un filmato, da lei abilmente montato, dedicato alla “vita, gli amori e i miracoli” della nostra Céline, disposti in un crescendo che parte dalle prime apparizioni televisive del piccolo usignolo per arrivare alla vigilia del concerto d’addio di Montreal.

E’ superfluo dire che l’approvazione

è salito alle stelle, poiché abbiamo  avuto il gran privilegio di ammirare la nostra stellina in immagini di repertorio pressoché rare se non addirittura introvabili. Più di due ore decisamente intense e ben spese. E’ giunta così a termine la nostra prima giornata da fans.

Il mattino seguente ci siamo ritrovati per proseguire la nostra piccola maratona. Altri Maniacs si sono uniti al nostro entusiasmo, qualcuno, invece, ha dovuto lasciarci la sera precedente, per riconquistare la strada di casa. C’è da sottolineare, infatti, che molti dei convenuti hanno affrontato un viaggio non indifferente per essere a Roma ad onorare la nostra Céline. Senza esagerazioni e con orgoglio, possiamo dire che ci sono stati entusiastici spostamenti su e giù per l’Italia, dalle Alpi alla Sicilia.

Ed ecco il momento più atteso. La giornata conclusiva del Raduno è stata dedicata alla visione del MILLENNUM CONCERT, in un’inedita versione integrale, procurata con sagace ricerca dall’infaticabile Valentina.

 

         

 

La nostra bellissima giornata insieme si è conclusa con un piacevole pranzo approntato per l’occasione dalla signora Rosa, la mitica mamma di Vale. E’ doveroso farle un sentito ringraziamento per essersi occupata in quei due giorni del nostro approvvigionamento con un vasto assortimento di stuzzicherie e bibite varie.

                                                    

Alla fine di questo entusiasmante incontro, ci siamo separati, non tralasciando di firmare il book degli ospiti, con una punta di malinconia ma anche con rinnovate buone intenzioni, ben consci del fatto che è proprio questo il momento di perseverare nell’inseguire il nostro sogno che rischia davvero di diventare una considerevole realtà.

Tirando le somme, il Primo Raduno Nazionale dei Céline’s Maniacs si è rivelato un successo su tutti i fronti. Aspettiamo con ansia il prossimo che di certo ci vedrà molto più numerosi a rendere omaggio all’usignolo dalla voce d’angelo.

Giunti al termine di questo resoconto un po’ sui generis, sarebbe logico che gli assenti, che comunque erano con noi con il cuore, si chiedessero se in fondo ci siamo divertiti. Bhè, provate a guardarci e lo capirete da soli!!!!!

                                           

                                        

 

Alla prossima, amici, con le nuove “malefatte” dei Maniacs! 

 

Sonia